Share

Interventi sul Territorio

Interventi sul Territorio

Interventi sul Territorio

01

APERTURA PORTA SOCIALE

30/01/2016

La Musica aiuta, qualunque sia il tuo problema

FEDIM e il Coordinamento Giubileo Per i Romani
http://www.giubileoperiromani.it

 

Lo spirito che lo anima e’ quello di garantire agli abitanti di roma, ben oltre il giubileo, una serie di servizi che rispondano ai bisogni dei cittadini emarginati da situazioni di indigenza di vario tipo.

Per questo ci stiamo adoperando, attraverso incontri mirati e tavoli di concertazione, per far riconoscere queste associazioni (già operanti sul territorio, ognuna con le sue specificità) come presidi stabili, in regime di sussidiarietà’ del comune di roma e della regione lazio (con tutti i benefici che ne possono derivare agli utenti e agli operatori dei presidi stessi), al servizio del cittadino.

Apertura porte sociali”

La prima porta sociale aperta, il 22 dicembre 2016, e’ stata quella dell’associazione “pid” che si occupa del reinserimento sociale e lavorativo degli ex detenuti  (in questo caso la porta aperta è stata quella di rebibbia con la fine pena di un detenuto).

La seconda porta sociale che verra’ aperta sara’ quella della fedim, il 30 gennaio 2016 alle ore 10,30

L’appuntamento e’ a piazza di porta portese n. 7 alle ore 10,30

20160130_110200
20160130_105426
20160130_104954

Il video dell'apertura Porta Sociale

02

CORVIALE

COMUNICATO STAMPA

Natale 2010 nel quadrante Corviale

La positiva accelerazione del Progetto del Distretto dell’Arte, Cultura e Sport, ci invita alla realizzazione di una manifestazione, in occasione di Roma Città Natale, che abbia come obbiettivo un’accresciuta ed aggiornata conoscenza, da parte della nostra Comunità, di quello che stiamo costruendo.

Siamo ben consci che esiste una sorta di distacco agnostico da parte degli abitanti del Quadrante, soprattutto di quelli del “Serpentone” che da oltre 20 anni aspettano  che sia dato avvio agli interventi promessi dalle Istituzioni e mai realizzati e come, da trentacinque anni (quelli di vita del “Palazzone”), sia in atto un  cambiamento sociale di tutta la periferia che gli fa da cintura.

Un cambiamento dovuto anche agli operatori pubblici e privati  che hanno arato e prodotto sul territorio dei risultati interessanti che ci hanno consentito di avviare il Progetto del Distretto e che oggi  cominciano a sentirsene  parte e su cui dobbiamo continuare ad amalgamare  restando sempre sui contenuti.

L’obbiettivo è quindi entrare in correlazione in modo stabile con la nostra Comunità e con i suoi “ opinion leader “ in quanto determinante è la loro spinta e il loro comunicare, nonché allargare  la platea quale fattore centrale per l’ulteriore progresso del Progetto.

L’idea di partire dalle scuole materne, elementari e medie, e quindi dalle educatrici ed insegnanti, nonché  dalle associazioni e realtà  presenti e già attive sul territorio, e quindi dalle persone in carne ed ossa che le compongono, sono il “core business” su cui riteniamo di investire per la prossima manifestazione di Natale.  Tutti dovranno sentirsi parte del Progetto, per poter dare un contributo alla sua riuscita, esaltando il lavoro, le capacità, le passioni. Lo stesso dicasi per i volontari che ci stanno dando e ci daranno una mano. Ascoltare, valutare con attenzione i loro suggerimenti e proposte diventa un passaggio da valorizzare in modo condiviso.   C’è voglia di fare e di sentirsi  utili in diverse persone e quale occasione migliore, se non quella del Natale, per raccogliere e mettere a frutto tale ricchezza.

Date queste premesse, l’idea progettuale ruota attorno al concetto ormai consolidato di un distretto territoriale caratterizzato da specifici servizi di eccellenza interconnessi tramite un sistema che riguardi la mobilità cittadina infradistrettuale, adeguate offerte sportive, culturali, sanitarie, abitative, commerciali e formative (facoltà universitarie, centri di formazione professionale e artigianale, scuole di ogni ordine e grado, asili nido, centri di servizi alla famiglia, agli anziani ed ai giovani).

Negli interventi su un territorio, naturalmente, si deve tener nel dovuto conto la famiglia, nucleo sociale primario al quale compete in prima istanza la crescita dell’individuo sotto il profilo dell’educazione civile. In seconda istanza è necessario intervenire nella riqualificazione della scuola alla quale compete la formazione  del futuro cittadino. In terza istanza alla valorizzazione e messa in rete delle realtà territoriali ed ambientali che contribuiscono alla creazione della identità di un territorio.

Quindi è di fondamentale importanza riuscire a mettere in connessione le istituzioni famiglia e scuola e fornire loro gli strumenti adatti per attivare le sinergie necessarie ad istaurare un dialogo produttivo che abbia nel vissuto del proprio territorio il naturale  svolgimento.

Il presente progetto si pone come obiettivo primario di sperimentare, nella propizia occasione delle festività natalizie in cui scuola e famiglia convergono le loro azioni sulla celebrazione del rito della luce, diverse situazioni aggregative attorno all’oggetto “Natale” in cui le due istituzioni abbiano la possibilità di incontrarsi, dialogare e porsi delle domande sulla qualità della vita vissuta all’interno del proprio territorio.

L’intenzione è quella di mettere in rete tutte le attività che le scuole del distretto di Corviale hanno in mente di realizzare, avendo come tema il Natale, attraverso una iniziativa che vada a mettere in scena i “desideri” dei bambini e degli adolescenti, in modo particolare quelli che auspicano migliori condizioni di vita nel proprio territorio.

La finalità è quella di premiare in modo speciale il “desiderio” più condivisibile ed anche più originale.

Il progetto si sviluppa all’interno delle scuole del XV Municipio e prevede un evento finale la mattina del 6 gennaio 2011, dalle 10,00 alle 13,00 in Via Mazzacurati 63 presso il MITREO” dove si esibiranno giocolieri e artisti di strada e dove confluiranno tutti i bambini delle 16 scuole coinvolte. Verrà offerta una colazione ai bambini. Lo spettacolo è ad ingresso libero

Il Presidente della Fedim

Stefano Martini

LE LOCANDINE

epi-jpg
corviale
03

DIRITMI

Manifestazione-Concerto

Casa del Jazz
Viale di Porta Ardeatina, 55

Lunedì 30 Luglio 2007

diritto
FOTO 066